Si è concluso mercoledi 30 maggio, presso il Nostro Istituto, il Progetto curriculare di educazione alla legalità “La legalità mette radici” che ha visto coinvolte le classi seconde del tempo prolungato della Scuola secondaria di Santa Margherita e di Montevago. La scuola si è aperta al territorio, accogliendo alunni, genitori e spettatori e si è trasformata in un palcoscenico vero e proprio sul quale i ragazzi si sono esibiti con performances teatrali e coreografiche parlando di legalità e veicolando valori quali la libertà, la fratellanza e la giustizia. Lo spettacolo dal titolo “Il palcoscenico della legalità” è il punto di arrivo di un corso di recitazione che gli alunni hanno seguito nel corso del secondo quadrimestre, tenuto dall’esperto esterno, il regista prof. Giacomo Bonagiuso e di una serie di iniziative ed attività sulla legalità che sono state attuate in riferimento alle linee programmatiche del nostro PTOF.

Giovedi 25 maggio 2018 la nostra orchestra e alcuni strumentisti dell'Indirizzo musicale hanno svolto l'audizione presso la commissione del I Concorso Nazionale Musicale IAITAS di San Giuseppe Jato.
Ottimi sono stati i risultati delle giovani eccellenze del nostro indirizzo musicale.

La proclamazione dei premiati:
Sezione Orchestra
Attestato di partecipazione
Sezione Pianoforte
1° Premio Assoluto (punteggio 100 su 100 e assegnazione della Borsa di studio) - Marchese Emmanuele.
2° Premio - Giovinco Salvatore.
3° Premio - Ferreri Giada Maria.
Sezione Chitarra
3° Premio - Cannata Gabriella; Ferraro Salvatore; Riggio Giada; Monteleone Antonino. 

Si è concluso il Progetto “Assistenti di lingua straniera” che nel corso dell’anno scolastico ha visto impegnata nelle classi della scuola secondaria del nostro Istituto, sia nel plesso di Santa Margherita di Belice, che in quello di Montevago l’assistente di Lingua Francese Clémence Moreau. Lunedi 14 maggio si è svolta la manifestazione conclusiva del Progetto a Montevago e venerdi 18 a Santa Margherita. E’ stato socializzato il percorso didattico e linguistico attuato dall’assistente in tutte le classi, con la proiezione di video ed immagini che hanno documentato l’interessante esperienza svolta dagli alunni guidati dalla docente francese. Una preziosa opportunità quella di cui hanno potuto giovarsi gli alunni del nostro Istituto, come ha sottolineato il Dirigente scolastico, commentando il progetto che solo in poche altre scuole, come la nostra, ha trovato possibilità di applicazione. Il Dirigente, i docenti e gli alunni hanno ringraziato Clemence Moreau per la preziosa collaborazione, dimostrando grande apprezzamento per il suo lavoro svolto. Madame Clemence si è detta, anche lei, entusiasta per l’esperienza svolta presso il Nostro Istituto del quale, ha detto, serberà sempre un ricordo speciale.

In occasione del Maggio dei libri, iniziativa inserita nel Progetto Lettura, alla quale, come ogni anno, il nostro Istituto aderisce, gli alunni della scuola secondaria di Montevago e di Santa Margherita hanno incontrato Licia Cardillo Di Prima, scrittrice e giornalista sambucese. La scrittrice ha parlato con gli alunni, passando in rassegna alcune delle sue pubblicazioni più significative, dell’importanza della cultura come strumento di libertà e di identità, partendo dal mito. Le tematiche quest’anno proposte tra gli itinerari di lettura per il Maggio dei Libri, Lettura come libertà” e “2018 Anno Europeo del Patrimonio”, hanno consentito all’autrice di utilizzare il mito per parlare di identità, territorio e di regole e libertà. Molte le domande rivolte dagli alunni all’autrice e le riflessioni emerse. Non è mancato, nel corso dei due incontri tenuti nella stessa mattinata, prima a Montevago e poi a Santa Margherita, un momento di riflessione per commemorare la Strage di Capaci. Gli alunni di Montevago hanno letto una poesia dell’autrice dedicata al piccolo Giuseppe Di Matteo, tratta dal suo romanzo Una Pietra dall’aria che racconta proprio una storia di mafia ed omertà e Licia Cardillo è intervenuta a lungo sul tema della legalità che è spesso centrale nei suoi racconti.

 In allegato si pubblica l'atto di designazione del Responsabile della Protezione dei Dati Personali (DPO: Data Protection Officer) ai sensi dell’Art. 37 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR).