Giovedi, 6 giugno, a conclusione del Progetto MultidisciplinareAmicizia…quante emozioni”, i bambini della scuola dell’Infanzia B. Marino di Montevago, hanno realizzato un recital ispirato alla lettura della favola “Colorino va in città” di R. Fratini che racconta la storia di un’amicizia tra un bambino ed un pesciolino. Il tema trattato scaturisce dai nuovi scenari delle indicazioni nazionali, inserito tra le competenze di cittadinanza.  Gli alunni hanno attivato nel corso del progetto conversazioni con dialoghi in italiano e inglese, hanno svolto attività manipolative e creative, ludico-motorie, memorizzazioni di poesie e canzoncine a tema. Con i Prodotti finali delle attività è stata allestita una mostra all’interno della scuola.

Si conclude stasera, 8 giugno, nel suggestivo scenario di Palazzo Filangeri Cutò, il Progetto “Leggere il Gattopardo con la Twitteratura, che ha avuto grande risonanza mediatica presso i giornali locali e nazionali e le riviste specialistiche. L’inedito progetto di lettura e riscrittura del capolavoro di Tomasi attraverso i tweet ha coinvolto le classi terze della scuola secondaria di primo Grado di Santa Margherita e Montevago e, in rete, le classi terze dell’istituto comprensivo Fra Felice da Sambuca e dell’Istituto Comprensivo Santi Bivona di Menfi.

Nel corso della manifestazione conclusiva del progetto, gli alunni degli istituti coinvolti si esibiranno in un reading dei tweet prodotti e nella drammatizzazione di alcuni dei passi più significativi del celebre romanzo. Non mancheranno i suggestivi momenti coreografici. Gli alunni e le alunne del nostro Istituto, infatti, faranno rivivere alcune delle scene più belle del romanzo portato al cinema da Visconti, indossando abiti dell’epoca e danzando sulle note dell’indimenticabile valzer.

Allegati:
Scarica questo file (locandina Gattopardo.jpg)Locandina[ ]110 kB

Si è concluso presso l’aula consiliare del Comune di Montevago il Progetto “Conversazioni sulla Costituzione” avviato ad ottobre scorso presso le sezioni di Montevago del nostro Istituto. Il progetto, concepito per approfondire la conoscenza della nostra Costituzione, in occasione delle celebrazioni per i suoi 70 anni, è consistito in un ciclo di incontri sui 12 principi fondamentali della Carta costituzionale, destinato agli alunni delle classi quinte della scuola primaria e alle classi della secondaria di Montevago. Molti, in questi mesi, le figure autorevoli della società civile, politica e del mondo culturale che hanno “raccontato” ai nostri studenti la preziosa eredità lasciata dai “Padri costituenti”, facendosi testimoni dei valori altissimi di legalità e uguaglianza rappresentati dal Documento: il dott. Tonino Moscatt, ex parlamentare nazionale, La Sindaca di Montevago,  Margherita La Rocca, l’assessore all’Istruzione Vito Saladino, il sindaco di Santa Margherita di Belice Francesco Valenti, il senatore Mimmo Barrile, l’archeologa Antonella Munoz Di Giovanna. La manifestazione finale ha visto la presentazione degli articoli 10 e 11 affidati alla dottoressa Antonella Ardizzone, operatrice presso la cooperativa Quadrifoglio, e dell’articolo 12 commentato dal Dirigente Scolastico Prof. Girolamo Piazza. Nel corso dell’evento gli alunni, sventolando bandierine tricolore, hanno cantato canzoni sulla pace e sul tricolore e l’immancabile Inno d’Italia che ha suggellato l’intera manifestazione. 

Si comunica il calendario delle manifestazioni e degli eventi di fine anno scolastico 2017-18 e nel contempo si invitano tutti i docenti e le famiglie a partecipare numerosi, per condividere quanto preparato durante le attività didattiche. 

Presso l’aula consiliare del comune di Montevago sono stati assegnati i premi S. Ruvolo 2018. Il concorso, bandito ogni anno dal Comune di Montevago per sensibilizzare le nuove generazioni sul tema della donazione degli organi, si rivolgeva agli alunni delle classi terminali della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado di Montevago i quali potevano partecipare con una prova grafica o un elaborato scritto. Ad aggiudicarsi i premi sono stati gli alunni Asia Abate della classe V E della scuola primaria e Gianni Di Maria della classe III E della scuola Secondaria.